Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

Fino all’ultimo calice, come se fosse un duello

Una rivincita o uno spareggio. Comunque una gara senza esclusione di colpi: due squadre, capitanate da altrettanti campioni, si affrontano all’ultimo calice, come in un vero duello.
Venti concorrenti guidati da Nicola Bonera sono schierati contro Luisito Perazzo e i suoi compagni per una sfida, riproposta anche quest’anno, sulla terrazza all’ottavo piano del Westin Palace Hotel.
Vitigno, tipologia e annata sono i minimi coefficienti per guadagnare punti, dopo ogni degustazione di vini serviti alla cieca. Pronti… Via! E che la sfida abbia inizio. Il primo vino presenta vive catenelle nel calice, il colore tende a un lieve verdolino e si percepiscono sentori di frutta tropicale. In bocca è sapido, con ricordi di liquirizia. Anche il secondo vino ha un vivace perlage ma il colore è dorato intenso, e al palato è fresco e sapido.
Luisito Perazzo, in qualità di capitano, annuncia quanto scaturito dal consulto con i suoi compagni. Per il primo vino si sono orientati su un Trento DOC tutto compos…

Ultimi post

Lo champagne Nicolas Feuillatte

Nonino, la famiglia che ha portato la grappa nel mondo

La mineralità nel vino

Tenuta di Trinoro, capolavoro di stile

Casa Vinicola Scarpa

Viaggiando a piede franco

Bordeaux e oltre

Istria, denominazione europea