Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

Il sangiovese

L’origine del nome sangiovese potrebbe essere Sanguis Jovis, ma questa è una sola delle tante ipotesi. Molte sono infatti le testimonianze che troviamo in Toscana e Romagna, le due regioni culla di questo vitigno.Il sangiovese è legato a un’area fortemente segnata dalla cultura etrusca, popolazione di viticoltori ed esportatori di vino. Il termine Sanisva, molto vicino al dialettale romagnolo sanzvès, lega il sangiovese ancor più alla religione e al culto dei defunti. Le prime origini del sangiovese ci portano in Magna Grecia, dove durante il simposio veniva bevuto in compagnia, diluito e servito ai commensali. Importante era il suo elevato contenuto di antociani, soprattutto la malvidina. Alcuni resti di anfore psykter e kylix raffigurano questi momenti.Gli studi sui genitori del sangiovese sono stati tanti, fra i quali, da segnalare, quelli svolti nel 2007, in cui viene proposto un primo risultato: il vitigno sarebbe figlio del ciliegiolo e del calabrese di Montenuovo, una varietà i…

Ultimi post

Tenute Lunelli, effervescenti anche con i vini fermi

La dinamica e la velocità di pensiero

Bollinger e i suoi champagne

Champagne Charles Heidsieck

Un viaggio fino al 1941

L’aristocrazia di Bordeaux

Il Re dei vini e i Marchesi di Barolo

Dieci annate di aglianico Terra D’Eclano raccontate da Luigi Moio

Gravner, la ribolla, le anfore e gli orange wine

L’’Astemia Pentita, dinamici anche da fermi